0 of 14 lessons complete (0%)
Exit Course
Guida di Viaggio Pisa 🗒️

La piazza dei Miracoli a Pisa: il punto di partenza per un viaggio straordinario

Questa è una lezione in anteprima
Acquista questo corso o accedi se sei già iscritto per seguire questa lezione.


Quando metterai piede in Piazza dei Miracoli, le imponenti architetture cattureranno immediatamente la tua attenzione. I bianchi monumenti della piazza si posano con la loro armoniosa geometria sul verdissimo prato, creando davanti a noi un ambiente che evoca un senso di equilibrio, perfezione e ordine.

Non potrai fare a meno di emozionarti davanti a tanta bellezza. Tuttavia, se sei arrivato fin qui, significa che hai compreso che per vivere un viaggio significativo è altrettanto importante, oltre all’esperienza estetica, approfondire le motivazioni che hanno spinto la città a costruire quei monumenti.

In questo caso, stiamo osservando una piazza che ha impiegato molti secoli per assumere la sua forma attuale.

Ogni monumento che sorge qui ha richiesto almeno 200 anni per essere costruito: dalla gigantesca cattedrale dedicata alla Madonna al campanile che dialoga con essa in modo suggestivo mentre svolge la sua funzione principale, annunciare l’inizio delle cerimonie liturgiche ai fedeli.

Dall’altra parte della piazza, parallelo al campanile, si erge un battistero eccentrico, testimone dell’eredità artistica tramandata attraverso le generazioni di maestri scultori.

Qui, ognuno di loro ha desiderato lasciare un’impronta di sé, riflettendo la moda del proprio tempo e creando un’opera unica.

Infine, troviamo il Camposanto Monumentale che va ben oltre la mera definizione di cimitero: è concepito come un luogo di contemplazione, in cui il cittadino, attraverso l’osservazione di specifiche immagini, è invitato a prendere coscienza delle conseguenze che si sarebbero verificate se non avesse seguito scrupolosamente i precetti cristiani.

Un monito silenzioso che ispira l’introspezione e la consapevolezza della propria fede.

È in questo senso che la Guida di Viaggio IterPopuli ti invita a scoprire questa piazza, andando al di là della sua bellezza estetica, un aspetto innegabile che sicuramente potrai apprezzare appieno quando sarai lì.

Tuttavia, per vivere un’esperienza autentica e immergerti in un vero e proprio viaggio nel tempo, è essenziale scavare più a fondo e andare oltre la superficie.

Infatti, ci concentreremo sull’importanza storica che la piazza riveste e sui suoi significati nascosti. Insieme cercheremo di comprendere come e perché sia stato progettato un complesso monumentale di tale portata a partire dal 1064, quando la piazza ospitava già una cattedrale di dimensioni modeste.

Ci sono almeno tre motivi che rendono questa piazza una testimonianza storica di straordinaria importanza:

Innanzitutto, perché rappresenta l’eredità materiale di una stratificazione millenaria, dall’epoca etrusca fino ai giorni nostri.

In secondo luogo, è lo specchio di un’epoca storica in cui la città ha sperimentato un’enorme crescita e prosperità, testimoniando una rapida espansione del centro urbano e trasformandosi in un fiorente polo economico e culturale.

In terzo luogo, è il complesso edilizio vescovile più completo al mondo, formato da quattro monumenti: il battistero, dove si svolgeva il rito battesimale; la cattedrale, dove si celebravano le funzioni liturgiche; un campanile, che scandiva il tempo; e infine, il cimitero dove venivano sepolti i defunti.

Ma la Piazza dei Miracoli ha anche un significato più ampio: immaginala come una torta mille strati, ognuno dei quali abitato da diverse culture con le proprie tradizioni, lingue, arte e architettura.

La peculiarità di questo luogo risiede proprio nelle intersezioni e sovrapposizioni delle diverse culture, con le relative influenze, e nel fatto di trovarsi di fronte a un luogo di preghiera millenario.

Uno degli obiettivi dell’Itinerario di Viaggio IterPopuli è quello di narrare non soltanto le diverse epoche storiche che si sono succedute nel corso dei secoli, ma piuttosto i legami che hanno unito una fase all’altra, in un’area che è stata vissuta e modellata da persone come noi, che poi l’hanno trasformata in base alle loro esigenze.

In questo contesto, verrà affrontato l’importante rapporto di Pisa con l’acqua.

Devi sapere che anticamente Pisa, oltre a trovarsi geograficamente in prossimità del mar Tirreno, era attraversata da due fiumi: l’Auser (oggi non più esistente) e l’Arno.

Sappiamo anche che Pisa fu una potenza marittima di grande rilievo non solo nel Medioevo e nel Rinascimento, ma anche in epoca etrusca e romana.

In particolare, la fase romana riveste un’importanza significativa per comprendere come la città, una volta diventata colonia romana e inclusa nelle politiche di Roma, fosse utilizzata per il commercio del legname e di come tale commercio abbia avuto un impatto negativo sul territorio circostante.

In questo contesto, affronteremo il dissesto idrogeologico di epoca romana a causa dell’intensa attività estrattiva e visiteremo il museo che conserva antiche navi romane scoperte e studiate dagli archeologi dell’Università di Pisa.

Queste navi rappresentano per noi una preziosa lezione di umanità e un capitolo fondamentale della fase romana della città.

Esploreremo la Piazza dei Miracoli e altri luoghi emblematici della città da diverse prospettive e risponderemo a domande come: perché sono presenti elementi di arte islamica in una cattedrale profondamente cristiana?

Infatti, esploreremo le connessioni umane che hanno plasmato questo luogo nel corso del tempo, andando oltre la semplice cronologia degli eventi storici e riflettendo sulle diverse culture esterne che hanno interagito, diffuso conoscenze e dialogato con la città.

Nel Medioevo, Pisa ebbe strette relazioni sia di natura bellica che diplomatica con il mondo islamico, improntate a un dialogo pacifico. Le tracce di questi conflitti e incontri si possono trovare ancora oggi in vari punti della città.

Questi sono solo alcuni degli aspetti che esploreremo in questa Guida di Viaggio al fine di creare un’esperienza di visita significativa e un viaggio indimenticabile.

Il momento tanto atteso è finalmente arrivato. Siamo pronti a partire!

Logo IterPopuli

    Ti è piaciuto quello che hai letto?

    Se hai voglia, inviaci suggerimenti su come migliorare questo contenuto utilizzando la casella di testo.