Vai al contenuto

IterPopuli

Logo IterPopuli bianco
Home » 🗒 Il Blog di IterPopuli » Basilica cristiana vs. basilica romana

Basilica cristiana vs. basilica romana

Spread the love

Basilica cristiana vs. basilica romana

Iniziamo dal distinguere la basilica romana dalla basilica cristiana: qual era la funzione?

Il primo è un edificio civile mentre il secondo è un edificio religioso.

Con la vittoria del cristianesimo e l’editto di tolleranza (il cosiddetto editto di Milano) sottoscritto da Costantino e Licinio nel 313, i cristiani finalmente potevano praticare il loro culto liberamente e dunque uscire dalle domus ecclesiae (luogo per pregare all’interno delle abitazioni private) per entrare in un nuovo edificio religioso: quale?

Si cominciò a riflettere sulla tipologia architettonica che potesse accogliere una grande quantità di fedeli che si sarebbero dovuti riunire per pregare.

Il cristianesimo voleva discostarsi completamente da tutto ciò che potesse ricordare il mondo pagano; pertanto era impensabile il riutilizzo di una tipologia architettonica che potesse rievocare la tipologia templare greca-romana.

Infatti, la scelta ricadde su un edificio civile: la cosiddetta basilica.

La basilica era un edificio pubblico di grandi dimensioni utilizzato per amministrare la giustizia.

Un esempio importante è la basilica ulpia nel foro di Traiano.

Ricostruzione della basilica Ulpia nel foro di Traiano. Fonte: Wikipedia Commons

La basilica romana è un edificio caratterizzato da alti colonnati e da emicicli ossia da elementi a pianta semicircolare sui lati corti.

Pianta della basilica Ulpia nel foro di Traiano

Gli architetti romani rielaborarono questo tipo di architettura mantenendo immutata la navata centrale con colonnato e navate laterali ma, differentemente dalle basiliche civili come quella di Traiano che avevano più entrate, nella basilica cristiana si eliminò un emiciclo e lo si trasformò in facciata, costringendo in un certo senso il fedele ad accedere alla struttura soltanto da quel punto il quale è in diretta connessione con il punto focale della struttura: l’altare.

Attorno all’altare si mantiene l’emiciclo che prende il nome di abside.

A questa forma venne aggiunto un ulteriore spazio che si inserisce tra l’abside e il colonnato che ha una forma longitudinale e va a intersecarsi tra questi due spazi e prende il nome di transetto che dona all’intero edificio la forma della Croce ossia lo strumento con cui Cristo fu ucciso e allo stesso tempo simbolo della nuova religione.

Pianta della chiesa di S. Maria Maggiore, Roma.

    Ti è piaciuto quello che hai letto?

    Se hai voglia, inviaci suggerimenti su come migliorare questo contenuto utilizzando la casella di testo.

    Commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    error: Contenuto protetto.